Calendario manifestazioni

castello degli acaia Attività culturali e manifestazioni  

La biblioteca dei ragazzi


BIANCANEVE
NEL CASTELLO DELLE FIABE
Un percorso all’interno di una fiabe verso tante fiabe…


“Biancaneve nel castello delle fiabe”
è realizzato in collaborazione con la Torre delle Favole
 un progetto del Comune di Lumezzane (BS) - Assessorato alla Cultura
Ideazione di Sonia Mangoni e Laura Staffoni - Allestimento Amici dell’Arte Lumezzane

Volantino    Manifesto

Galleria fotografica


“C’era una volta la finestra della regina.
Era lì che si sedeva a ricamare quando era inverno, quando pioveva, quando il cielo era grigio.
Un giorno che nevicava, la regina si perse a guardare il ricamo dei fiocchi di neve.
L'ago le sfuggì e si punse un dito.
- Sangue rosso, neve bianca, legno nero - sussurrò tra sé e sé - Ecco i colori della mia bambina: rosso sangue, nero legno, bianco neve. Biancaneve. La chiamerò così.”

Ogni volta che si apre un libro si entra con la fantasia nelle storie che si stanno leggendo, a volte però la fantasia diventa realtà ed ecco allora che la fiaba di Biancaneve diventa vera, ma così vera che si entra proprio nella stanza della regina buona, ci si fa attirare dallo specchio magico, si passeggia nel bosco fino a scoprire la casetta dei sette nani, si vivono con paura le stregonerie della regina cattiva per poi tirare un sospiro di sollievo alla fine del percorso...

“
Biancaneve nel castello delle fiabe” è un percorso espositivo all’interno della celebre fiaba interpretata da Sophie Fatus, una illustratrice italiana molto amata dai bambini. Si tratta di un viaggio emozionale dentro la fiaba tra illustrazione e scenografia per raccontare visualmente la storia dei fratelli Grimm.

FOSSANO
20 novembre - 19 dicembre 2010
Castello degli Acaia

Ingresso libero

 

  Introduzione

Attività per le scuole

Bibliografie

Orari

Nati per leggere

   Galleria fotografica


 

Torna all'indice

Le attività della biblioteca proseguono anche per l’anno scolastico 2010-11 con il viaggio all’interno del mondo della fiaba, attività rivolta ai più piccoli. Come già successo l’anno scorso, abbiamo voluto offrire  qualcosa di speciale, qualcosa da ricordare durante tutto l’anno scolastico e così abbiamo pensato ad una fiaba, un racconto da leggere, ascoltare, vedere o da rileggere, riascoltare, rivedere. Il fortunato incontro con La torre delle Favole di Lumezzane (Brescia), che da anni lavora sul tema delle fiabe, ci ha permesso di dare corpo ad un’idea.

E così, dopo Hanse e Gretel, dal 20 novembre al 19 dicembre 2010 la Biblioteca Civica di Fossano ospiterà nella sala seminterrata del Castello degli Acaia un percorso espositivo all’interno di Biancaneve, celebre fiaba della tradizione internazionale interpretata da Sophie Fatus, illustratrice italiana conosciuta e amata dai bambini. Si tratta di un viaggio emozionale dentro la fiaba tra illustrazione e scenografia per raccontare visualmente la storia dei fratelli Grimm. Il percorso, ora diventato una mostra itinerante, è stato realizzato dal Comune di Lumezzane (Brescia) su illustrazioni e scenografie di Sophie Fatus.

L’itinerario espositivo, suggestivo e magico, è dominato dalla presenza degli specchi, leit-motiv di tutta l’installazione, che si ritrovano, grandi e piccoli, alle pareti e inseriti nelle sagome di animali, fiori e alberi. I piccoli visitatori entreranno via via nelle diverse fasi della storia: la prima stanza evoca il candore della neve e rimanda al momento del ricamo incipit della fiaba. Ma già incombe la regina-matrigna, una grande sagoma dall’immagine restituita raddoppiata e deformata dagli specchi. Si entrerà poi nel bosco e finalmente si arriva alla casetta dei sette nani. Il passaggio successivo è dominato dalla sagoma della regina, ormai strega nera, che tenterà di avvelenare Biancaneve. I bambini entreranno poi nella stanza dei nastri e dei pettini e infine della stanza delle mele. Il viaggio nella fiaba termina con il lieto fine che tutti sappiamo e aspettiamo.

Le illustrazioni di Sophie Fatus creano una reale interazione dello spettatore con lo spazio scenico, ambienti e personaggi prendono infatti vita per immergere il visitatore negli ambienti evocati dalla fiaba, ovvero in un fantastico mondo animato.

Quella di Biancaneve è una fiaba speciale, una fiaba al femminile e del femminile. Dice Giusi Quarenghi: “C’è la madre buona, generatrice, che mette al mondo la creatura, sognandola e desiderandola. Questo sogno-desiderio rende l’amore certo e forte, tanto che proteggerà la creatura nonostante la morte della madre. C’è la madre cattiva, mortifera, perché narcisa; gelosa della creatura femmina che cresce, vive il suo fiorire come il testimone (e la causa) del proprio sfiorire. Lo specchio detiene la sua identità e la sua ossessione. La bambina non ne ha bisogno. Per avere conferma di essere bella, la madre cattiva deve specchiarsi, guardarsi da sé. Biancaneve è bella, lo è naturalmente, e lo è perché non lo sa e non lo cerca Nella fiaba si affrontano tanti temi, dalla paura alla compassione, dalla diversità all’inganno, dalla solitudine alla solidarietà e all’amore, tanti stati d’animo che ritroviamo nella vita di tutti i giorni e che possono essere affrontati anche grazie all’aiuto di una fiaba. Ogni lettore, grande o piccolo, nel corso dell’itinerario espositivo rivivrà le sue emozioni attraverso le raffinate illustrazioni di Sophie Fatus.

 Il percorso sarà completato dalle tavole originali realizzate da Sophie Fatus per il libro “Biancaneve”, pubblicato dall’editore Nuages con i testi di Giusi Quarenghi da Grimm.

 

 

 

 

 

 

 



Torna all'indice


Il percorso guidato verrà realizzato con la narrazione della fiaba e al termine sarà possibile effettuare altre attività a seconda dell’età dei visitatori.

Asilo nido
Il percorso sarà occasione di scoperta e di gioco attraverso il racconto dell’accompagnatore; al termine, seduti in un angolo morbido, si potrà viaggiare di fiaba in fiaba attraverso le parole dei libri e le grandi immagini proiettate sullo schermo.

Scuola dell’infanzia e primo ciclo della scuola primaria
Al termine del percorso, comodamente sistemati nel luogo del lieto fine, dopo un esame delle sensazioni provate nel corso del viaggio all’interno di una fiaba, si partirà verso altre destinazioni narrative: si potranno infatti leggere e “guardare” su un grande schermo altre fiabe e effettuare dei giochi linguistici ed enigmistici su Biancaneve e le altre figure del mondo dell’immaginario infantile.

Secondo ciclo della scuola primaria
Il percorso si concluderà con uno degli interventi previsti nell’ambito dell’attività “Un’ora da fiaba”; si ritiene che il passaggio nell’installazione possa essere utile anche per i più grandi per immergersi nel mondo della fiaba, analizzandone i tempi e la struttura e immaginando i possibili diversi sviluppi fino ad arrivare al rovesciamento del racconto. Un momento divertente di ascolto e di costruzione di una storia.

Il percorso scenico sarà completato da piccole esposizioni di libri a tema.

Alle classi prenotate verrà fornito del materiale didattico.


    Torna all'indice       


...un libro tira l'altro...

Ecco alcune proposte di lettura suggerite dal libro di Sophie Fatus e Giusi Quarenghi oggetto della mostra e delle attività: dai libri di Sophie Fatus (una piccola selezione!) a quelli di fiabe, dai volumi sui colori a quelli su alcuni personaggi femminili famosi, senza dimenticare le storie di "bellezza".

Le bibliografie sono particolarmente indirizzate ai bambini più piccoli, i "nati per leggere" veri fruitori dell'attività, con l'eccezione del tema della bellezza,  rivolta ai giovani lettori.

Per scoprire le bibliografie cliccare sul fiore

  Bianca come la neve

Se sette nani vi sembran pochi

 Andiamo per il bosco...

  C'era una volta

 Storie di donne donne nella storia

 Specchio delle mie brame



Torna all'indice


ORARI E MODALITA' DI VISITA

20 novembre -19 dicembre 2010
Ingresso libero

L’esposizione sarà aperta al pubblico domenica 28 novembre e domenica 19 dicembre dalle ore 14 alle 18,30 in occasione della rassegna teatrale per famiglie.

Apertura su prenotazione per le scuole
con le seguenti modalità:

Y   Chi: un gruppo classe asilo nido, scuola dell’infanzia, primo e secondo  ciclo della scuola primaria  di Fossano, Cervere, Genola, Montanera, Salmour, Sant’Albano Stura e Trinità e di altri Comuni al di fuori dell’Unione del Fossanese (in base alle disponibilità)

É   Come: prenotazione obbligatoria al n. 0172.61976 dal 23 settembre 2010 (dal 5 ottobre per le scuole dei comuni non appartenenti all’Unione del Fossanese)

H   Dove: Sala seminterrata del Castello degli Acaia - Fossano

¦   Quando: dal 20 novembre al 18 dicembre 2010; gli incontri/visita potranno essere realizzati dal lunedì al venerdì con orario 8,30/10 circa  e 10,30/12,00 circa (due gruppi per ogni mattina); è possibile effettuare la visita anche il martedì e il giovedì 14,30/16 circa, sempre su prenotazione

     La durata è di 1 ora e 30 minuti circa

Informazioni: tel. 0172.61976
e-mail:
lucia.brusa@biblioteche.reteunitaria.piemonte.it

 

 


Torna all'indice


Scopri tutte le attività relative al Progetto (ma per saperne ancora di più, vieni a trovarci in Biblioteca!)Il percorso espositivo rientra nelle attività previste nell’ambito del Progetto Nati per Leggere Piemonte il cui scopo è di promuovere la lettura ad alta voce ai bambini di età compresa tra i 6 mesi e i 6 anni, per offrire loro adeguate occasioni di sviluppo affettivo e cognitivo.
Il Progetto è realizzato in molte Biblioteche del Sistema fossanese e vive grazie anche al contributo della Compagnia di San Paolo.
Le attività nell’ambito dell’iniziativa prevedono laboratori di lettura ad alta voce rivolti ai bambini e alle loro famiglie, incontri di lettura riservati alle scolaresche, promozione della lettura tramite dotazioni librarie presso ambulatori pediatrici, consultori, asili nido, creazione di spazi nelle biblioteche e il dono di un libro ai nuovi “nati per leggere”, un libro da leggere a casa e da conservare come ricordo del primo incontro con la biblioteca, quel posto forse un po’ magico dove le parole raccontano, coccolano, fanno stare bene.

Il progetto è sostenuto dalla


Torna all'indice


“Biancaneve nel castello delle fiabe” è realizzato in collaborazione con la Torre delle Favole - un progetto del Comune di Lumezzane (BS) - Assessorato alla Cultura
Ideazione di Sonia Mangoni e Laura Staffoni - Allestimento Amici dell’Arte Lumezzane




Calendario manifestazioni

  La biblioteca dei ragazzi

inizio pagina